Via imbriani, 105 - Via Torino, 24 - Barletta (BT)+39 339 3551455studiosteoterrone@libero.itStudio di Osteopatia

La menopausa femminile e sue conseguenze

by Ettore Terrone
in La Terapia manuale
on 28 Dicembre, 2020
Creato: 28 Dicembre, 2020
Visite: 56
All’età di 40-50anni, i cicli mestruali nella donna , di solito, diventano irregolari, molti anovulatori (cioè che non portano ad ovulazione), e nel giro di alcuni mesi o di qualche anno cessano del tutto.

Questa fase della vita,  durante la quale i cicli cessano e la secrezione degli ormoni sessuali femminili cala rapidamente quasi a zero, costituisce la menopausa. La sua causa è l’ “esaurimento” delle ovaie. Nel corso di tutta la vita sessuale, circa 400 dei follicoli primordiali maturano in follicoli vescicolosi e ovulano, mentre centinaia di  migliaia degenerano.  All’età di circa 45 anni restano solo pochi follicoli primordiali stimolabili dall’ FSH e dall’LH (due ormoni sessuali femminili) e la produzione di estrogeni (altri ormoni femminili) da parte dell’ovaio si va riducendo, a mano a mano che il  numero dei follicoli primordiali si azzera.
Quando la produzione di estrogeni scende al di sotto di un valore critico, questi ormoni non riescono più ad inibire la produzione di FSH e di LH e neppure ne possono indurre il picco ovulatorio, così da assicurare la successione dei cicli. Al contrario, le gonadotropine , l’LH e soprattutto l’ FSH da questo momento in poi vengono prodotti di continuo e in grandi quantità.  Per un breve periodo dopo la menopausa arrivano ancora prodotti estrogeni, in quantità però inferiori al livello critico e, nel giro di qualche anno, gli ultimi follicoli primordiali residui diventano atresici per cui la produzione di estrogeni da parte delle ovaie cessa quasi del tutto. Durante la menopausa la donna deve “riadattarsi”, in quanto si passa da una condizione di fertilità , stimolata costantemente da estrogeni e progesterone ad una di infertilità durante la quale cessa la produzione di tali ormoni.  Questa fase transitoria, più o meno lunga, provoca spesso la comparsa di notevoli disturbi : vampate di calore , caratterizzate da forti rossori cutanei; sensazione psichica di dispnea(fame d’aria); irritabilità; facile affaticabilità; ansietà e, talvolta, stati di psicosi.
Solitamente, la medicina allopatica propone per questi problemi il classico approccio farmacologico consistente nella somministrazione di ormoni femminili di natura sintetica, con tutte le controindicazioni del caso. Ci possono essere approcci più dolci attraverso l’uso di sostanze “naturali” che, probabilmente, hanno minori effetti collaterali.
In realtà, tramite i trattamenti manipolativi, è possibile far si che il Sistema Neuro Vegetativo della donna possa  autoregolarsi ed eliminare o abbattere notevolmente tutti i problemi che quasi sempre una donna esperenzia quando inizia ad andare in menopausa.

Bibliografia : Fisiologia medica, Guyton – Hall , Elsevier- Masson


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna