Via imbriani, 105 - Via Torino, 24 - Barletta (BT)+39 339 3551455studiosteoterrone@libero.itStudio di Osteopatia

Bere acqua può salvarti la vita

by Ettore Terrone
in News
on 21 Gennaio, 2021
Creato: 21 Gennaio, 2021
Visite: 137
Il titolo può sembrare un’esagerazione, ma è quanto afferma, in modo molto più articolato, il dottor Fereydoon Batmanghelidj medico iraniano laueratosi in medicina a Londra e dal 1982 esule negli Stati Uniti d’America.
Il titolo può sembrare un’esagerazione, ma è quanto afferma, in modo molto più articolato, il dottor Fereydoon Batmanghelidj medico iraniano laueratosi in medicina a Londra e dal 1982 esule negli Stati Uniti d’America.
Imprigionato nel 1979 in seguito alla Rivoluzione che rovesciò lo Scià in Iran, in attesa di essere giudicato scoprì i “poteri guaritori” dell’acqua, dopo averne prescritto 2 bicchieri ad un compagno di prigionia che si contorceva per dei fortissimi dolori allo stomaco. L’uomo guarì ed il dottor Batmanghelidj  si salvò la vita quando, diversi mesi più tardi, presentò al giudice il risultato delle sue esperienze nel guarire dai dolori di stomaco tantissimi prigionieri.
Rifugiatosi negli USA, ha iniziato a studiare le caratteristiche dell’acqua e le problematiche relative ad un carente approviggionamento giornaliero.
Sappiamo che ogni essere umano è costituito per il 75% circa di acqua ed il restante 25% di materia “solida”. In chimica, si parla si solvente e soluto, attribuendo a quest’ultimo la maggiore importanza  nelle reazioni chimiche.  Secondo il dottor Batmanghelidj uno dei più grandi errori che commette la Medicina è il considerare l’acqua, appunto, come un semplice solvente privo di proprietà fondamentali.  Così come è opinione comune che avere la bocca secca sia l’unico sintomo riconosciuto della disidratazione del corpo. In realtà, afferma il dottor Batmanghelidj, esso è solo l’ultimo segnale che il corpo invia quando ha bisogno d’acqua. Questo perché a partire dall’inizio dell’età adulta, a causa di una sensazione di sete che gradualmente diminuisce, il nostro corpo diventa cronicamente e progressivamente disidratato.  Negli ultimi anni le ricerche hanno confermato sempre più il ruolo fondamentale dell’acqua nel corretto funzionamento metabolico e cellulare. Le stesse proteine ed enzimi svolgono molto meglio le proprie funzioni in un corpo correttamente idratato. Nella sua pratica clinica il dottor Batmanghelidj ha curato con esito positivo vari problemi : dolori dispeptici (da gastrite, duodenite, ulcera non perforata), dolori da colite, falso dolore da appendicite, ernia iatale, dolori vertebrali ed articolari, mal di testa.   


Bibliografia : Il tuo corpo implora acqua, di Fereydoon Batmanghelidj, Macro Edizioni 2004


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna