Via imbriani, 105 - Via Torino, 24 - Barletta (BT)+39 339 3551455studiosteoterrone@libero.itStudio di Osteopatia

Perchè il Running è deleterio

by Ettore Terrone
on 24 Settembre, 2019
Creato: 24 Settembre, 2019
Visite: 274
Si, hai capito bene : correre, fa male !!!! Cerchiamo di spiegare bene il significato di questa frase.  Spesso si sente dire che praticare Sport è importante, per tutta una serie di benefici che esso apporta; questo è vero con le dovute precisazioni.
Innanzitutto, partiamo dalla tenera età: i bambini sono portati per natura a vivere e muoversi nell'ambiente che li circonda; in particolare, adorano correre, saltare, arrampicarsi, strisciare, cadere, rotolare, sporcarsi, sudare, stancarsi....e, invece, come ci siamo ridotti oggigiorno ?
Ad una serie di negazioni da parte dei genitori ed adulti in generale : non correre, non sudare, non rotolarti per terra, non sporcarti...è normale tutto ciò ? Ora, ti starai chiedendo cosa centra  questo col Running ? E, invece, centra e molto. Quasi tutte le persone, nel corso della propria crescita accumulano una serie di frustrazioni e sensazioni negative tali da portarli in età adulta ad "espodere". Ed ecco, allora, che in tarda età scoprono la bellezza del praticare sport, in genere il running, ricominciando a vivere e  riprovare quelle splendide sensazioni di quando erano bambini, col vantaggio di non avere più nessuno che rompa loro le scatole!!! Il problema, però, è che la maggior parte di questi neosportivi non è in grado di gestirsi. E quindi ci danno dentro alla grande macinando km su km, gare su gare, finchè un bel giorno il corpo, martoriato, inizia a presentare loro il proprio conto. Dolori alle ginocchia, problemi alle anche, lombalgie, sciatalgie, fasciti plantari, sono tra le più comuni patologie che questi novelli Baldini (Stefano Baldini, Campione Olimpico di maratona ad Atene nel 2000) si provocano poichè non hanno dato minimamente ascolto ai messagi che il corpo mandava loro. A questo punto, urge fare due chiarimenti molto importanti : 1-è vero che praticare Sport faccia bene a qualunque età, ma ciò non toglie il fatto che più intensa ed agonistica diventa l'attività motorio-sportiva, maggiore è lo stress che il corpo subisce con il rischio di andare in contro ad infortuni, a qualunque età. Tuttavia, se fino ai 30 anni il corpo è in grado di gestire la fatica sportiva in modo appropriato, riuscendo a recuperare da carichi motori particolarmente impegnativi, in seguito, tale capacità peggiora. 2-tutti coloro che scoprono lo sport in tarda età, non hanno alcuna esperienza nella gestione delle proprie capacità e limiti. Questo comporta spesso che "il piacere mentale" superi i limiti fisici, andando oltre i limiti e sfociando in infortuni più o meno seri. Che fare dunque ? Innanzi tutto, scegliere attività sportive poco stressanti, camminare (magari alternando il piano con la salita) piuttosto che correre, andare i bici invece che macinare km su km a piedi, una giornata in piscina, una partita a tennis, praticare degli esercizi di ginnastica adatti a compensare le problematiche tipiche della vita sedentaria, adottare un'alimentazione corretta e soprattutto imparare ad ascoltare il proprio corpo, ricordando che col tempo non sarà più in grado di rimediare alle cazzate che facciamo!!!! Alla fine, se proprio non vuoi rinunciare a correre, limitati a 4-5 km un paio di volte a settimana....
Ad maiora......


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna